Sono passati 20 anni dalla fondazione de il Quotidiano Immobiliare e abbiamo deciso di coinvolgere gli amici di più lunga data per rievocare la strada percorsa insieme lungo i sentieri del real estate e di quel variegato mondo che è la filiera dell’immobiliare. Lo faremo con delle interviste singole in cui ci scambieremo storie, commenti, impressioni e aneddoti su eventi e accadimenti accaduti in questi 20 anni. Il tono sarà quello lieve di due amici che si incontrano e ricordano quello che è successo ma con un occhio anche al futuro.


INTERVISTE

 

L’appuntamento per ricordare i 20 anni di Quotidiano Immobiliare oggi è con Mario Breglia, figura di indiscusso prestigio e autorevolezza, nel panorama del real estate italiano. Con Mario gli argomenti affrontati sono quelli della comunicazione e del ruolo che la sua società Scenari Immobilairi ha avuto nella crescita del settore immobiliare passando in rassegna i fatti e i personaggi più significativi degli ultimi due decenni ma guardando anche avanti al futuro.

PROFILO

L’incontro di oggi per festeggiare i 20 anni di Quotidiano Immobiliare è con Paola Ricciardi, Country Manager di KROLL Advisory S.p.A. Paola ha rappresentato per 20 anni il braccio destro di Leo Civelli che aveva dato il via alla Reag, una delle prime società italiane a fornire servizi per la comunità immobiliare. Con l’architetto Ricciardi ripercorriamo la storia della sua società e del real estate italiano.

PROFILO

Continua la serie di interviste di Quotidano Immobiliare ai protagonisti del real estate che hanno vissuto l’evoluzione del settore negli ultimi vent'anni. Oggi è il turno di Davide Albertini Petroni con cui abbiamo fatto un po’ l'excursus della sua avventura dapprima con il gruppo Zunino e poi con Risanamento, passata sotto il controllo della banche finanziatrici. L’occasione è anche quella di dare uno sguardo agli errori commessi ma anche alle occasioni perse per sviluppare in Italia un grande gruppo industriale immobiliare.

PROFILO

Proseguono le interviste di Guglielmo Pelliccioli per i 20 anni di Quotidiano Immobiliare. Il personaggio di oggi è Aldo Mazzocco tra le figure più rappresentative della comunità del real estate: attualmente a capo del gruppo Generali Real Estate, che amministra un patrimonio di 36 miliardi di euro. Come sempre lucida e chiara l’esposizione di Mazzocco che in poco più di mezz’ora traccia un quadro degli scenari passati, presenti e futuri del mercato immobiliare.

PROFILO

Massimo Roj è il rappresentante più innovativo del mondo della progettazione e dell’architettura italiana, sempre alla ricerca di nuove idee e contaminazioni tra il mondo del real estate e quello dell'industria manifatturiera. Anche se lui scherzosamente ambirebbe ad essere indicato come ‘maestro di sci’ vista la grande passione per la montagna e lo sport...

PROFILO

Carlo Puri Negri rappresenta una tappa fondamentale dell’evoluzione del real estate in Italia. La sua intuizione di coinvolgere nel mercato domestico i grandi player internazionali avvenuta alla fine degli anni ’90 ha segnato un cambiamento epocale per il settore immobiliare introducendo concetti e pratiche di gestione per la valorizzazione e la redditività degli stessi. In questa intervista racconta i fatti di allora ma allarga il ragionamento anche al mercato odierno e a come esso rappresenti un importante asset per la crescita del Paese.

PROFILO

L’avvocato Guido Inzaghi è il secondo ospite della serie di incontri dedicati a ricordare i nostri 20 anni di Quotidiano Immobiliare, del real estate italiano e della sua attività professionale. Il suo contributo è ovviamente inerente agli aspetti del diritto immobiliare che hanno avuto una parte così importante nello sviluppo delle principali iniziative sul territorio e in particolare a Milano. Nella carrellata dei ricordi un posto particolare lo meritano due figure che hanno dato molto all’immobiliare italiano come Gerald Hines e Riccardo Catella.

PROFILO

Gianni Verga nel 2002 era assessore all’urbanistica del comune di Milano e stava curando il lancio di tutti quei grandi progetti di sviluppo e rigenerazione che avrebbero interessato la città negli anni successivi, dall’area di Repubblica-Garibaldi a quella della ex Fiera di Milano. Fu la più grande pianificazione del territorio del comune di Milano e interessò complessivamente 10 milioni di metri quadrati. Di questi 5 furono edificati e 5 trasformati in aree verdi. Un altro grande successo dell’iniziativa fu l’integrazione tra la pubblica amministrazione e gli operatori privati che permise di dare una spinta produttiva a tutte le operazioni.

A Gianni Verga proprio per questa sua attività e visione fu consegnata a novembre 2002 la prima Pentola d’Oro, il premio che da allora ogni anno il Quotidiano Immobiliare assegna a una personalità del mondo immobiliare o legato ad esso.

PROFILO